Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:30 METEO:VOLTERRA12°19°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
venerdì 22 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Alec Baldwin spara sul set del film Rust, muore la direttrice della fotografia: il video dall'alto del luogo della tragedia

Attualità giovedì 27 ottobre 2016 ore 06:30

Convitto per fuori sede, cinque posti liberi

Alcuni studenti si sono ritirati per motivi personali. Intanto il Comune è al lavoro per confermare il progetto anche per il prossimo anno



VOLTERRA — Dei 15 posti disponibili nel convitto per fuori sede, cinque sono rimasti liberi a causa di alcune defezioni per motivi personali degli studenti iscritti. 

Il progetto, partito con l’inizio dell’anno scolastico, si pone come obiettivo quello di consolidarsi anche per il prossimo anno.

"In Comune è già stato attivato un tavolo di lavoro per dar vita al progetto anche per il prossimo anno scolastico – dichiara l’assessore all’istruzione Alessia Dei -. Ma tutto questo non sarebbe possibile senza la presenza costante di Fondazione CRV e Cassa di Risparmio di Volterra sempre attente ai progetti di sviluppo del nostro territorio e ai partner quali la Coop che ha messo a disposizione buoni per gli studenti e il cinema di Volterra che ha applicato tariffe ridotte sui prezzi dei biglietti per gli ospiti del convitto. Il progetto ha coinvolto e continuerà a coinvolgere tutto il territorio come dimostra già la partecipazione attiva della Misericordia di Volterra, dell'associazione Auser, il basket e l'associazione sportiva del karate. Ringraziamo tutti x l'apporto che ognuno a suo modo dà a questo progetto".

Per i cinque posti rimasti liberi, l’amministrazione comunale invita quanti fossero ancora interessati a richiedere informazioni alle rispettive scuole per conoscere le modalità di iscrizione.

Il convitto all'interno del Campus del Cipresso, mette a disposizione degli studenti il servizio di colazione e cena, un servizio di sorveglianza e tutoraggio notturno e un educatore con servizio affidato ad una cooperativa sociale.

"Il progetto "Studiare e dormire a Volterra" si sta sempre più configurando come "Studiare e vivere Volterra" – aggiunge il sindaco Marco Buselli -. La presenza di questi ragazzi in città può rappresentare nuova linfa per le associazioni, lo sport, il volontariato. Ma anche per situazioni culturali che, come il cinema, si sono proposte. I ragazzi, in sintesi, possono dar molto alla città e viceversa, se lo spirito con cui si fanno le cose rimane questo".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Dopo diversi giorni senza nuovi casi, la Ausl ha accertato sul territorio 3 nuove positività al coronavirus. Interessati due Comuni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

CORONAVIRUS

Cronaca