Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:VOLTERRA-0°8°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 30 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Firenze, assalti con esplosivo agli sportelli bancomat: ecco come agivano

Cultura martedì 28 marzo 2017 ore 12:30

Gli etruschi importarono i pini

L’albero tipico delle zone del Mediterraneo è divenuto il simbolo del paesaggio italiano, coltivato e diffuso in tutta la penisola



VOLTERRA — Caratteristico del paesaggio italiano, il pino domestico è, molto probabilmente, originario dell’Africa nord o del Mediterraneo occidentale. La sua diffusione nel bel paese fu opera degli etruschi.

La qualità e la resistenza della legna, il valore sacrale che aveva nell’antichità, la bontà dei suoi frutti e l’utilizzo della resina come incenso naturale, come collante e come materiale infiammabile, lo resero una presenza centrale nel territorio dell’Etruria.

Consacrato a Cibele, dea delle forze creatrici e distruttive della Natura, l’albero sempreverde era legato, per le sue caratteristiche, al concetto di morte e di rinascita.

Nella concezione etrusca, infatti, la chioma, simile alla sagoma di un ombrello, proteggeva dalle minacce ultraterrene; le radici sviluppate in orizzontale, avvolgevano il defunto creando una barriera difensiva; il sistema riproduttivo dell’arbusto che genera coni maschili e femminili assicurava una continuità generazionale; infine, racchiusi nelle pigne, dalla forma simile a quella di un uovo, considerato da loro un talismano, i pinoli garantivano una sicura fonte di cibo. L’interesse per il Pinus Pinea, corrispondeva, quindi, al loro senso pratico e commerciale e a una visione armoniosa della vita e della sua bellezza

Viola Luti
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nelle ultime 24 ore altri 6 pomarancini sono risultati positivi al coronavirus. Gli altri due casi in altrettanti Comuni del territorio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Politica

Attualità

Attualità