comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:57 METEO:VOLTERRA11°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 24 novembre 2020
corriere tv
Lilli Gruber a Conte: «Ha mai sentito Mario Draghi?». E il premier non la prende bene

Cultura domenica 01 gennaio 2017 ore 06:30

Un popolo di medici

Gli etruschi si distinsero anche in medicina

Gli etruschi si distinsero per competenze e conoscenze approfondite dell’arte medica, in particolare per lo studio dell’anatomia e della fitoterapia



VOLTERRA — Attenti alla prevenzione, all’igiene personale, alle proprietà benefiche delle acque termali, gli etruschi eccellevano nelle scienze mediche.

I loro rimedi curativi consistevano principalmente nell’utilizzo di piante medicinali di cui conoscevano e sapevano sfruttare le proprietà medicamentose e gli effetti.

Precursori della scienza erboristica e fitoterapica, utilizzavano la camomilla come calmante, il prezzemolo contro le anemie, il mirto come astringente, l’aglio e la cipolla come battericidi, il ricino come lassativo.

Soluzioni naturali per curare le diverse patologie, che sembrano anticipare i moderni farmaci omeopatici e che venivano utilizzate in modo continuativo e sistematico. Ma le loro competenze non si limitavano alla naturopatia, erano, infatti, dei grandi conoscitori dell’anatomia e della fisiologia.

Il fegato, in particolare, era al centro dei loro studi perché considerato l’organo da cui si irradiava il sangue. Le loro abilità riguardavano anche le tecniche operatorie. Furono proprio gli etruschi che introdussero la pratica del taglio cesareo.

Notizie, queste, che sono giunte fino a noi grazie ai numerosi reperti archeologici. Sono stati, infatti, ritrovati ex voto raffiguranti l’anatomia del corpo umano e gli strumenti da lavoro utilizzati da dentisti e da chirurghi tra cui ferri, cauteri, pinze, sonde e coltelli.

Tra i resti antichi, a testimonianza del livello raggiunto nella farmacologia naturale, anche anfore e vasi, di diverse dimensioni, contenenti i residui di piante officinali. Tracce inconfondibili della loro abitudine a preparare unguenti, infusi e decotti, utilizzando gli estratti e le sostanze dei frutti e dei prodotti presenti in un territorio particolarmente ricco e fertile.

I Rasenna erano, dunque, un popolo che ricorreva a terapie e antidoti ricavati da quelle che oggi definiremmo un sapere proprio sia della medicina alternativa e sia di quella tradizionale.

Viola Luti
© Riproduzione riservata



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Cronaca