Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:VOLTERRA-0°8°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 30 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Firenze, assalti con esplosivo agli sportelli bancomat: ecco come agivano

Attualità mercoledì 18 gennaio 2017 ore 12:30

Il dettaglio nascosto

L'altorilievo in piazza Minucci

Sulla parete del palazzo ad angolo tra via Roma e piazza Minucci, si trova un altorilievo in terracotta che si mimetizza con le pietre dell’edificio



VOLTERRA — Sovrappensiero e distratti dalla fretta, troppo spesso, camminiamo nelle vie della città senza notare ciò che circonda. Scorci, monumenti e insegne passano in secondo piano rispetto alle architetture degli edifici conosciuti. Come se il nostro sguardo focalizzasse soltanto gli elementi ormai noti e ne oscurasse gli altri.

Un giorno, casualmente, un particolare cattura la nostra attenzione e ci accorgiamo dell’esistenza di quel dettaglio fino a quel momento ignorato. Stupiti dalla scoperta, chiediamo informazioni che possano soddisfare le nostre curiosità e segretamente tacitare quel dubbio la cui risposta negativa risolverebbe facilmente il dilemma: “è sempre stato lì?”

Ed è questo il caso dell’altorilievo che si trova sulla parete esterna del palazzo ad angolo tra piazza Minucci e via Roma. La scultura di terracotta, incastonata tra le pietre, impreziosisce e interrompe l’austerità dell’edificio. L’elemento ornamentale, simile ad altri presenti a Volterra, sembra ricordarci le antiche radici storiche della città.

Difficile, infatti, pensare che nel luogo in cui abitiamo, specialmente se non tentacolare e senza le caratteristiche di una metropoli, possa esserci sfuggito qualche particolare apparentemente sotto gli occhi di tutti. E, invece, è proprio così, nonostante lo sguardo di un cittadino somigli a quello di un amante che non perde nessun tratto del volto dell’amata. Porvi rimedio significa prendersi il tempo necessario per guardarsi intorno e soffermarsi sui dettagli. Luigi Veronelli, enologo e studioso, diceva che la vita è troppo breve per bere vini cattivi. Ecco, la vita è troppo breve anche per rinunciare ad apprezzare il posto in cui viviamo.

Viola Luti
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nelle ultime 24 ore altri 6 pomarancini sono risultati positivi al coronavirus. Gli altri due casi in altrettanti Comuni del territorio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Politica

Attualità

Attualità