Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:VOLTERRA11°23°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
domenica 09 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Il siparietto di Draghi e il pavone: «Ci accompagna da stamattina, sentiamo cosa dice»

Politica martedì 13 aprile 2021 ore 09:13

"Un recovery per tutta la Valdicecina"

La strada 439

E' il piano chiesto dal consigliere comunale volterrano Paolo Moschi per tutto il territorio, in particolare sulla viabilità



VOLTERRA — "E' preoccupante il fatto che in Toscana sul Recovery Fund si registri un sostanziale silenzio, rotto in parte da poche maxi opere.Credo che la priorità sia quella di far ripartire zone che erano ferme, bloccate, da molto prima della pandemia, per motivi colposi pregressi. Serve un Recovery Valdicecina, per colmare il gap di una viabilità che di fatto discrimina la zona, e i suoi cittadini. Rendendo ogni sforzo di vivere e investire qui diversamente sostenibile in proporzione ai territori limitrofi. Questa negligenza sta diventando ormai una colpa consapevole.Siccome stiamo parlando di risorse strategiche di rilancio, che ripagheremo nei prossimi anni, riteniamo indispensabile un piano per colmare i mancati investimenti del passato, causa di disuguaglianze e di declino per l'intera area della Valdicecina."I

Lo dice il consigliere comunale volterrano Paolo Moschi, aggiungendo che "Se facciamo una fotografia dell'Alta Val di Cecina degli anni 60 e la paragoniamo con oggi, possiamo notare, oltre il dimezzamento della popolazione, che le infrastrutture sono rimaste, colpevolmente, sostanzialmente le stesse. Eppure una nuova viabilità renderebbe la Volterra e la Valle territori competitivi, utili all'economia di tutti."

"Oggi noi apprezziamo chi propone nuove infrastrutture in zone già servite da strade di scorrimento veloce, però riteniamo vitale, e non più rimandabile, un Piano Recovery Valdicecina, ovvero un piano per lo sviluppo di 68 e 439.Servono almeno 40 milioni per i nostri 4 Comuni: 20 per la ss 68 e 20 per la ss 439, per ammodernare almeno in parte i tratti più obsoleti.E serve studiare, tutti insieme, la possibilità di un corridoio di mobilità dolce, vista l'enormità di bandi europei, per la viabilità elettrica, in grado di ricongiungere la Valle stessa.Esistono già anche dei progetti in corso, che possono essere finanziati subito, così come vuole l'Europa. Sono disponibili progetti approvati per l'ammodernamento viario tra Volterra e Colle, e tra Castelnuovo e Monterotondo. Non possiamo attendere oltre! Questa è l'ultima opportunità per la Valdicecina"

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un nuovo caso registrato a Pomarance e altri sette in comuni del versante "Valli Etrusche". I numeri dei vaccinati sulla zona
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Cronaca

Politica