Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:25 METEO:VOLTERRA16°30°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
giovedì 24 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Ddl Zan-Vaticano, Draghi: «Questo è uno Stato laico, non uno Stato confessionale»

Attualità mercoledì 16 settembre 2015 ore 14:05

Anche l'alabastro potrebbe diventare Igp

Come il vino o il formaggio: un marchio di indicazione geografica protetta dell'Ue anche per le opere dell'artigianato



VOLTERRA — Molti i prodotti italiani che potrebbero fregiarsi del marchio Igp: tra questi l'alabastro di Volterra, insieme ai coltelli artigianali e la filigrana della Sardegna, i gioielli di Torre del Greco, i violini di Cremona, le pietre di Vicenza e Comiso, i prodotti cosmetici delle Terme di Salsomaggiore e Saturnia, il vetro di Murano, il marmo di Carrara, i mobili in stile della Pianura Veronese e di Arezzo, le ceramiche. Un marchio di certificazione anche per l'artigianato, come accade per le prelibatezze della cucina e dell'agricoltura. Che potrebbe arrivare anche per la bianca pietra, simbolo dell'artigianato della città etrusca.

Primo passo in avanti verso un'indicazione geografica protetta per i prodotti manifatturieri europei. La commissione giuridica dell'Europarlamento ha approvato all'unanimità il rapporto della socialista francese Virginie Rozière, che dovrebbe passare al voto in plenaria il 6 ottobre. 

Gli eurodeputati hanno individuato oltre 800 prodotti che potrebbero essere tutelati dal marchio Igp. Secondo la relatrice della risoluzione, "prodotti e nomi famosi, utilizzati alle volte in modo fraudolento senza la garanzia che le norme di origine e di qualità vengano rispettate". Dal marmo di Carrara ai cristalli di Boemia sino al tartan scozzese e fino all'alabastro: per tutti questi prodotti dall'indicazione geografica non agricola al momento non esiste una protezione riconosciuta a livello Ue, ma solo alcune e ineguali tutele a livello nazionale. Nel rapporto si chiede quindi l'adozione di un sistema unificato di protezione delle Ig non agricole con un meccanismo di registrazione riconosciuto a livello europeo. Questo dovrebbe permettere di fare il legame tra il prodotto e la zona geografica e affidare l'iniziativa della creazione delle Ig alle imprese coinvolte, con i disciplinari delle condizioni da rispettare adattabili al processo di produzione e alle innovazioni.

Secondo gli europarlamentari un igp per le opere dell'artigianato  "aiuterebbe a preservare il patrimonio culturale europeo e favorirebbe la crescita economica, soprattutto delle piccole e medie imprese, garantendo al contempo una maggior tutela dei consumatori". 
 Questa situazione può confondere i consumatori e danneggiare la reputazione dei prodotti originali. Attualmente, la tutela di questi prodotti rimane insoddisfacente in quanto solo 15 Stati membri dispongono di una legislazione nazionale specifica"

Un'indicazione geografica protetta è un simbolo, associato al nome di un prodotto, che indica la provenienza garantita del prodotto stesso e ne assicura la qualità. Ad oggi sono oltre tremila i prodotti di origine agricola (vini, liquori e generi alimentari di ogni tipo) tutelati dal marchio Igp nell'Ue. . 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Una delegazione del Comitato Pro-Ospedale ha incontrato, nei giorni scorsi, il consigliere Sostegni, presidente della Commissione Sanità
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

CORONAVIRUS

Cultura