QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 13°15° 
Domani 12°18° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
lunedì 20 maggio 2019

Interviste lunedì 19 maggio 2014 ore 13:25

Ferrini: "le risorse della geotermia vanno impiegate per lo sviluppo del territorio"

Il sindaco uscente di Castelnuovo e candidato alle prossime amministrative, fa un bilancio dell'attività di governo e presenta le sue proposte in continuità con il lavoro svolto



CASTELNUOVO — In vista delle elezioni amministrative di domenica prossima, 25 maggio, il sindaco uscente di Castelnuovo Val di Cecina Alberto Ferrini fa un bilancio dell'attività svolta e presenta il programma con cui si candida a governare il paese per altri cinque anni.

Sindaco, al termine di questi cinque anni di attività, qual'è il suo bilancio?
"Abbiamo realizzato circa 100 progetti in 5 anni a fronte dei 30 nei sei anni di governo precedente. Tante le opere pubbliche, tra cui il rifacimento dei giardini pubblici e il parcheggio a Castelnuovo, il laghetto bio termale a Sasso Pisano e la rete civica di internet con circa 200 utenze gratuite attivate. Abbiamo lavorato per l'occupazione: dopo circa 30 anni l'Enel ha ripreso ad assumere nel territorio, con importanti risultati anche nella costruzione di relazioni per favorire l'impresa locale. Sono stati anni molto duri dal punto di vista della crisi economica e sociale, ma siamo riusciti nonostante questo ad avere una pressione fiscale contenuta: abbiamo abolito del tutto la Tasi e abbiamo la tariffa più bassa del teleriscaldamento".
La viabilità è un tema cruciale per Castelnuovo, qual'è la situazione attuale?
"Per quanto riguarda le emergenze, sulla strada delle Valli del Pavone, la Provincia di Siena ha iniziato il monitoraggio che ci auguriamo sarà breve. Una volta terminato, partiranno i lavori: con un intervento piccolo, di qualche decina di migliaia di euro che pagheremo con risorse del Comune, saremo in grado di riaprire una corsia, speriamo a giugno. Sul dopo c'è una grossa incognita perché la strada ha grandi problemi concentrati in un punto che non è aggirabile.
Per quanto riguarda la frana del borgo abbiamo attuato un intervento da circa un milione di euro e per fortuna la Regione ci ha comunicato che finanzierà la metà.
Sulla variante a monte sono iniziati i lavori che Pieroni aveva promesso a ottobre ed è la terza volta che ci si interviene: speriamo che sia la volta buona, ma è un progetto mastodontico che forse non è stato ben valutato prima anche dai miei predecessori.
Abbiamo bisogno, però, di un ammodernamento dei tracciati, non soltanto di tappare i buchi causati dalle carenze altrui perchè delle strade provinciali e regionali devono occuparsi gli enti preposti.
Alcuni interventi che ci proponevamo in questo senso, hanno subito un rallentamento a causa dell'incertezza sul futuro delle Province, ma abbiamo raggiunto una prima bozza di accordo con istituti di credito e con il Comune di Monterotondo per la realizzazione di un primo lotto di ammodernamento di cinque chilometri della strada regionale 439 in direzione Grosseto".
Secondo voi è prioritario, quindi, un ammodernamento complessivo della viabilità?
"La trascuratezza di questo territorio è pluridecennale: la nostra zona è stata abbandonata dalle amministrazioni regionali e provinciali ed è un problema politico. Dalla geotermia ci derivano risorse perchè siamo zone depresse, con un sistema infrastrutturale disastroso, problemi ambientali ed un dissesto evidente. Le risorse della geotermia possono aiutare a migliorare i tracciati, ma non a fare in modo che il Comune sostituisca la Provincia e la Regione nel sistemare le frane o aggiustare le strade perchè non ci si farebbe comunque e perchè non sarebbe giusto. Dobbiamo impiegare questi soldi per difenderci dalla crisi, certo per tappare qualche buco, ma soprattutto per dare a questa zona prospettive di sviluppo anche attraverso una nuova viabilità".
Qual'è la situazione economica del Comune di Castelnuovo?
"Il bilancio è solido in virtù dell'aumento delle royalties derivanti dalla geotermia; tuttavia Il Comune ha subito pesanti tagli ed è stato introdotto il patto di stabilità, per questo è stato molto difficile investire pienamente queste risorse. Nel 2013 abbiamo avuto per la prima volta il patto di stabilità, ma siamo riusciti a chiudere con un avanzo di bilancio di 11mila euro, spendendo tutte le risorse nonostante i vincoli. Il patto di stabilità ci impedisce di usare risorse anche se non vengono dalla Stato e rappresenta una forte limitazione che abbiamo risolto positivamente solo ponendo una grande attenzione".
Come è stata affrontata la crisi economica?
"Di fronte ad una crisi così pesante abbiamo giocato più in difesa che all'attacco, cercando di contenere le tasse e di sostenere le imprese locali attraverso bandi e affidamento di servizi per avere delle ricadute sul territorio. Non abbiamo un cassintegrato, nessuna azienda ha chiuso, ma anzi abbiamo avuto segnali di segno opposto con la ripresa dell'occupazione. Mi domando cosa sarebbe successo alle imprese del territorio se il Comune non fosse stato un punto di rifermento importante".
Castelnuovo non ha aderito all'Unione dei Comuni, perchè questa scelta?
"I Comuni possono scegliere se trovare degli accordi per gestire dei servizi o creare delle Unioni, che però nello spirito della legge preludono poi alle fusioni. Noi abbiamo scelto le funzioni associate perchè nella situazione attuale per Castelnuovo sarebbe un grave danno il diventare parte marginale di una contenitore più grande. Non è una scelta ideologica, ma nasce dalla consapevolezza che per noi l'autonomia è fondamentale: vogliamo essere padroni delle nostre risorse, essere in grado di continuare a impiegarle per azioni a tutela delle imprese, del territorio e dei cittadini che qualora il centro decisionale venisse spostato, non sarebbero più ripetibili. E' una scelta di autonomia e di buon senso perchè quello delle Unioni è un modello costruito su realtà non montane, non marginali come le nostre dove le distanze tra un luogo e l'altro sono elevate. Se saremo rieletti, continueremo con gli accordi e con le convenzioni".
Come valuta quello che sta accadendo ai piccoli Comuni, anche con il recente decreto Delrio?
"Si sta cercando di imbrogliare i cittadini che protestano contro la casta colpendo i piccoli Comuni, quando invece lo spreco sta da un'altra parte: si tagliano le sedie che non costano perchè a Castelnuovo un assessore guadagna 80 euro. Si stanno tagliando i Comuni quando il 97,5 % del deficit dell'Italia deriva dalle Regioni, dalle Province e dallo Stato".
Ci sono opere che vi proponete di realizzare in futuro?
"Una progettualità sarà legata all'area che è attigua al borgo: con lo smantellamento della pescicoltura chiudiamo un pagina di cattiva politica, di sperpero di denaro pubblico e di dissesto dell'ambiente che ci portavamo dietro dal passato per aprire una pagina nuova. Il Comune ha investito circa 80mila euro per l'acquisto ed il ripristino dell'area sulla quale sarà aperta una progettualità perchè è una opportunità. Inoltre, a Sasso Pisano vorremmo ampliare l'area turistica del laghetto ed a Montecastelli è atteso il parcheggio".
Quali sono le proposte con le quali la lista civica si ripresenta ai cittadini?
"Continuare a lavorare in continuità, per terminare quello che abbiamo iniziato, soprattutto per lo sviluppo economico perchè il lavoro impostato deve essere consolidato nel tempo. Nel futuro ci saranno probabilmente meno grandi opere pubbliche, ma una maggiore azione in favore del tessuto produttivo con formazione professionale anche attraverso bonus per i giovani, con aiuti alle imprese, attraverso bandi ad hoc e varie misure per lo sviluppo e l'occupazione.
La lista civica fu un'ottima intuizione 5 anni fa e ne esce rafforzata: i nostri Comuni hanno bisogno di essere gestiti con un taglio molto pragmatico e non ideologico affinchè la politica locale non sia un riflesso di quella nazionale. Confermiamo una squadra che ha le competenze e le caratteristiche per mandare avanti un Comune nell'Italia complessa di oggi".
Quale può essere la parola chiave per il futuro di Castelnuovo e della Val di Cecina?
"Sicuramente l'occupazione, perchè senza il lavoro la popolazione se ne va".

Alessandra Siotto
© Riproduzione riservata

Intervista ad Alberto Ferrini


Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Elezioni

Politica

Attualità