QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 15°22° 
Domani 14°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
domenica 13 ottobre 2019

Attualità martedì 03 febbraio 2015 ore 18:20

La birra 'rinnovabile' si fa a Sasso Pisano

Nuova etichetta per le bottiglie: “Birra prodotta con processo totalmente rinnovabile grazie al vapore geotermico di Enel Green Power"



CASTELNUOVO VAL DI CECINA — Alla tavola dei prodotti geotermici, che poteva già vantare formaggi, basilico e salumi, si aggiunge la birra dello stabilimento “Vapori di Birra” di Sasso Pisano, nel Comune di Castelnuovo Val di Cecina, che da pochi giorni ha messo in produzione le nuove “bottiglie rinnovabili” grazie al vapore geotermico di Enel Green Power.
Lo stabilimento “Vapori di Birra”, nato l'anno scorso e fondato da Edo Volpi , può fregiarsi dell’etichetta sulle nuove bottiglie che riportano la dicitura “Birra prodotta con processo totalmente rinnovabile grazie al vapore geotermico di Enel Green Power”. E così dalle terre geotermiche in molti negozi alimentari, supermercati e nella grande distribuzione della Toscana non arriva soltanto un’ottima birra, grazie al processo di fermentazione che utilizza al meglio le temperature messe a disposizione dal calore geotermico, ma anche rinnovabile al 100%.

L’originale Birrificio geotermico fa parte della Comunità del Cibo a Energie Rinnovabili del Co.Svi.G che conta numerose aziende agricole locali: dalle serre di basilico e fiori ai caseifici, dalla stagionatura dei salumi agli allevamenti, queste realtà utilizzano le peculiarità del calore reso disponibile dal vapore geotermico per ottenere produzioni di assoluta qualità che si sono guadagnate anche l’accesso a EXPO 2015 tra le dieci buone pratiche selezionate dalla Toscana.

Nello stabilimento di produzione di “Vapori di Birra”, all’interno del quale sorge anche un’apposita saletta adibita a pub/ristorante per una serata con gli amici o cene di degustazione a tema, vengono prodotti vari tipi di birra dai cui inconfondibili nomi si intuisce l’inscindibile legame con le terre geotermiche: la “Magma”, una rossa ambrata doppio malto dal sapore unico; la “Geyser”, una pale ale con 100% malto d’orzo; la “Sulfurea”, una weiss di frumento con schiuma bianca e compatta. A queste si è da poco aggiunta la 'Thera', un nuovissima birra a base di miele di castagno. Sull’etichetta, accanto alla scritta che compare sulle nuove bottiglie, vi sono i loghi di Enel Green Power e della Comunità del Cibo a Energie Rinnovabili.

"Cibo, natura e territorio si legge in una nota - sono i tratti principali dell’impegno di Enel Green Power nelle aree geotermiche dove, oltre alla produzione di elettricità da fonte rinnovabile, l’Azienda collabora con le Istituzioni locali, con il Co.Svi.G (Consorzio Sviluppo aree Geotermiche) e con il tessuto associativo per iniziative di promozione culturale e turistica".

In Toscana, oltre ai 5 miliardi e mezzo di KWh prodotti, le 34 centrali geotermiche Enel Green Power tra le province di Pisa, Siena e Grosseto forniscono calore utile a riscaldare circa 9.500 utenti in 5 Comuni (Pomarance, Castelnuovo Val di Cecina, Monterotondo Marittimo, Santa Fiora, Monteverdi Marittimo e altri progetti sono in corso) nonché 28,5 ettari di serre, caseifici e ad alimentare una importante filiera agricola e gastronomica.
Anche il turismo geotermico fa registrare oltre 50mila visite l’anno con il Museo della Geotermia, le terme etrusco romane, le manifestazioni naturali, il Parco geotermico delle Biancane, le “Centrali Aperte” e le tante iniziative di Enel Green Power e del Co.Svi.G.



Tag

Di Maio: «No a qualsiasi forma di patrimoniale»

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Attualità