Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:10 METEO:VOLTERRA18°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
sabato 27 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Covid, a Milano folla sui Navigli nell'ultimo weekend in fascia gialla

Cultura sabato 20 maggio 2017 ore 13:30

La Circe volterrana ricordata da D’Annunzio

L'urna del Museo Guarnacci di Volterra

Nei versi dell’Elettra il Vate ricorda l’urna etrusca in alabastro che, conservata al museo Guarnacci, raffigura la dea greca



VOLTERRA — Poi la mia carne inerte si compose

nel sarcofago sculto d’alabastro

ov’è Circe e il brutal suo beveraggio.”

Gabriele D’Annunzio, nei versi che concludono il sonetto Volterra contenuto nella raccolta Elettra, immagina il proprio riposo eterno dentro l’urna conservata nel Museo Guarnacci. L’opera, che richiama nelle sue formelle uno dei passi più celebri dell’Odissea di Omero, unisce mito, ritualità e sentimento della trascendenza. Caratteristiche che appartengono alla cultura magico esoterica del poeta pescarese e che evocano atmosfere legate a un condottiero dell’antichità che esaltava, accanto alla ragione, l’ardimento eroico e il desiderio di conoscenza. Conservato a Volterra, il reliquario acquista, così, per il poeta, un fascino maggiore. Il ricordo epico si lega, infatti, a una città che racchiude in sé il passato e il senso religioso del futuro.

Viola Luti
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Sport

Cronaca