QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 13°16° 
Domani -1°13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
domenica 09 dicembre 2018

Attualità lunedì 08 ottobre 2018 ore 10:39

Per rivedere Linea Verde su Volterra e Valdicecina

La bella puntata dedicata ai nostri territori è andata in onda, attesissima, domenica mattina. Molti non hanno potuto vederla. Come rimediare VIDEO



VOLTERRA — Una troupe del celebre programma di Rai1 ha girato in Alta Val di Cecina una puntata che è andata in onda, ieri, domenica 7 ottobre, alle 12,20, su Rai1.

Daniela Ferolla, Federico Quaranta e Peppone Calabrese, sono partiti da Volterra, dalle sue meraviglie e dalla sua affascinante storia, per poi muoversi tra Larderello e Sasso Pisano, alla scoperta della Valle del Diavolo e della geotermia in mezzo a soffioni e putizze, geyser e fumarole, centrali di produzione elettrica da fonte rinnovabile e piatti della “Comunità del Cibo a Energia Rinnovabile”.

Se siete qui è probabile che abbiate mancato l'appuntamento di ieri e vogliate rivedere la puntata. In fondo all'articolo è spiegato come rivederla.

I conduttori di Linea Verde insieme alle guide del Consorzio turistico Volterra Valdicecina e della cooperativa Idealcoop, ai tecnici Enel Green Power e agliagricoltori custodi della comunità del cibo, fondata da Co.Svi.G. (Consorzio Sviluppo Aree Geotermiche), Slow Food Toscana e Fondazione Slow Food per la biodiversità hanno raccontato Volterra e l’Alta Val di Cecina, terre meravigliose in superficie ma anche nel sottosuolo, da cui si ricavano alabastro, sale purissimo e vapore per produrre energia rinnovabile. 

Insomma storie, mestieri, misteri, tradizione e innovazione che Linea Verde racconterà in modo originale, immersi nella bellezza di Volterra e nel “cuore caldo” della Toscana.

La puntata di Linea Verde arriva proprio nel bicentenario della geotermia, la cui attività industriale fu avviata nel 1818 da Francesco Giacomo Larderel, che poi diventò de Larderel conte di Montecerboli, con l’estrazione del borace per utilizzi chimici e farmaceutici, a cui seguì nel 1904 l’accensione delle prime lampadine grazie all’intuizione del Principe Ginori Conti che dette il via alla produzione di energia elettrica. Una storia che da allora non si è mai fermata e che ancora oggi prosegue nel segno dell’innovazione e della sostenibilità ambientale. La puntata è rivedibile cliccando qui.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cultura

Attualità