Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:VOLTERRA11°23°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
domenica 09 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Il siparietto di Draghi e il pavone: «Ci accompagna da stamattina, sentiamo cosa dice»

Lavoro venerdì 16 febbraio 2018 ore 18:00

Sindacato contro e-distribuzione

L'Unione generale del lavoro critica l'organizzazione: "Fino al 2014 la presenza sul territorio nazionale, Valdicecina compresa, era ben strutturata"



POMARANCE — L'Unione generale del lavoro, federazione chimici, è intervenuta per criticare l'organizzazione di e-distribuzione.

"Fino all’anno 2014 - hanno detto dal sindacato - la presenza di e-distribuzione sull’intero territorio nazionale, compreso quello della Val di Cecina, era ben strutturata. Vi erano infatti delle strutture a livello provinciale, Zone, dalle quali dipendevano delle Unità Operative dislocate uniformemente e capillarmente sul territorio che potevano così conoscere e gestire in maniera ottimale la propria area di competenza".

"Ad esempio - hanno spiegato - nel nostro territorio c’era la Zona di Pisa e le Unità Operative erano tre, Pisa, Pontedera e Volterra. Con la riorganizzazione di quattro anni fa la società e-distribuzione ha provveduto ad accorpare in tutta Italia Zone ed Unità Operative, ad esempio nel nostro territorio è stata creata la Zona di Livorno Pisa e l’Unità Operativa di Volterra è stata accorpata con Pontedera".

Secondo il sindacato "ciò ha provocato un abbandono del territorio che si è tramutato nello scarso presidio degli impianti, il peggioramento della qualità del servizio elettrico erogato, soprattutto in caso di eventi atmosferici anche relativamente forti, e una diminuzione degli standard di sicurezza ed il peggioramento delle condizioni lavorative che ha provocato un notevole incremento della gravità degli infortuni a carico sia dei dipendenti di e-distribuzione che delle ditte appaltatrici".

"Questa situazione ha portato all’indizione di uno sciopero regionale, in Sicilia, e dalla richiesta in tutta Italia di incontri per discutere dei problemi segnalati". 

"Come Organizzazione Sindacale - hanno concluso da Ugl - sollecitiamo quindi l’azienda a mettere in campo dei correttivi per risolvere queste problematiche più volte denunciate in questi anni".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un nuovo caso registrato a Pomarance e altri sette in comuni del versante "Valli Etrusche". I numeri dei vaccinati sulla zona
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Cronaca

Politica