Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:VOLTERRA11°23°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
domenica 09 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Il siparietto di Draghi e il pavone: «Ci accompagna da stamattina, sentiamo cosa dice»

Attualità lunedì 10 ottobre 2016 ore 16:55

"Il parto in ambulanza non è dignitoso"

Buselli sulla nascita avvenuta a Peccioli: "Non è dignitoso venire al mondo così. Ho scritto ai presidenti dei corsi di laurea di ostetricia"



VOLTERRA — Il primo cittadino di Volterra Marco Buselli è intervenuto sul caso del bambino nato in ambulanza a Peccioli. L'episodio, avvenuto ieri, è l'occasione per Buselli di tornare sull'annoso problema dell'ospedale volterrano, a cui è stato tolto il reparto nascite.

L'ambulanza partita da Castelnuovo Valdicecina e diretta all'ospedale di Pontedera, non ha raggiunto in tempo il Lotti e il parto è avvenuto a bordo del mezzo, senza complicazioni. Buselli ha fatto sapere che il suo intervento è stato condiviso anche dai sindaci di Castelnuovo Val di Cecina, Pomarance e Montecatini Val di Cecina.

Un episodio simile era accaduto il 17 giugno scorso, a Sasso Pisano. La madre a cui si erano rotte le acque era a Montecerboli e l'ospedale da raggiungere era quello di Cecina. Anche quella volta il parto in ambulanza non ebbe complicazioni: "Stavolta - ha detto Buselli - il punto in cui è avvenuto il fatto, in prossimità di Peccioli, ci dice che tutto ciò si sarebbe potuto evitare continuando ad avere la possibilità di nascere a Volterra"

"Non dobbiamo assuefarci a ciò che non è dignitoso - ha aggiunto Buselli - ossia, come in questo caso, arrivare a pensare che partorire in ambulanza sia normale e faccia parte di quello di cui ci dovremmo accontentare". 

Da qui l'iniziativa del sindaco di scrivere ai presidenti dei corsi di laurea in ostetricia delle Università di Pisa, Firenze e Siena "per promuovere l'idea di tesi universitarie che studino un modello possibile per le aree periferiche, disagiate, insulari e montane, in relazione al tema della nascita e dei percorsi assistenziali e di cura ad essa legati". 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un nuovo caso registrato a Pomarance e altri sette in comuni del versante "Valli Etrusche". I numeri dei vaccinati sulla zona
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Cronaca

Politica