QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 22°28° 
Domani 22°36° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
giovedì 27 giugno 2019

Lavoro mercoledì 29 luglio 2015 ore 17:16

Smith: a settembre le proposte sul tavolo del Mise

I lavoratori fuori dal Mise lo scorso maggio

Si è svolta l'attesa riunione fra istituzioni, Enel, Eni e Schlumberger che controlla la Smith. L'esito è positivo: c'è la disponibilità delle aziende



VOLTERRA — "Nell'incontro di stamani è stato avviato un percorso di valutazione sulla possibilità di sfruttare sinergie industriali tra questi soggetti, che hanno l'obiettivo di impiegare competenze dei lavoratori locali complementari alle attività di Smith Bits, in particolare nel campo dei servizi qualificati". Sembrano arrivare buone notizie da Roma per la Valdicecina ed in particolare per i 114 lavoratori esclusi dal piano che ha mantenuto aperta la fabbrica di scalpelli di Saline di Volterra con 78 occupati.

Questa mattina, 29 luglio, si è svolto al Ministero per lo Sviluppo economico a Roma il tanto atteso tavolo, convocato dal ministero sulla base della richiesta del presidente della Regione Enrico Rossi al ministro Federica Guidi. Come annunciato, erano presenti, oltre a Rossi e ai rappresentanti del ministero, anche rappresentanti di Eni, Enel e Schlumberger, la multinazionale leader del settore oil&gas che controlla la Smith.

La Regione in una nota parla di esito positivo per il tavolo che aveva lo scopo di "avviare il percorso su possibili nuove attività complementari allo stabilimento di Saline". Obiettivo che sembra raggiunto: "è emersa la disponibilità delle imprese a studiare delle proposte, e altrettanta disponibilità da parte delle istituzioni (governo, Mise, Regione Toscana) a ragionare di possibili supporti, che vanno dalla formazione del personale all'insediamento di nuove attività, agli aspetti di ricerca e sviluppo".

"Un'iniziativa del genere, per la quale ringrazio il governo e il ministero, in Italia non avviene quasi mai - ha dichiarato il presidente Enrico Rossi - In passato si è spesso puntato a soluzioni assistenzialistiche, che hanno poi scaricato sui lavoratori la loro non sostenibilità. Questo è un tentativo di combinare le opportunità di un territorio con gli interessi e le capacità di grandi gruppi industriali".

I partecipanti al tavolo si sono dati appuntamento per l'inizio di settembre. Per il prossimo incontro, le imprese si sono impegnate a fare nuove proposte, a fronte delle quali Regione e governo illustreranno il quadro degli incentivi e degli strumenti di sostegno pubblico.

Sembra dunque aprirsi la strada per creare occupazione in una sinergia fra queste tre grandi aziende con il supporto delle istituzioni.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Cronaca

Attualità

Attualità