Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:30 METEO:VOLTERRA8°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 30 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'ultima gara di Federica Pellegrini: primo posto con standing ovation e tuffo con il presidente Malagò

Attualità mercoledì 16 settembre 2015 ore 03:45

Tenzone Aurea... ad alta tensione

Una bandiera più corta di un centimetro ha fatto rischiare la squalifica, ma restano ancora tra i 'big' gli sbandieratori volterrani



VOLTERRA — Si è svolta lo scorso week end, nella città degli Estensi, la 35esima edizione della Tenzone Aurea, il massimo campionato nazionale degli sbandieratori. 

IL GRUPPO. Per il quarto anno consecutivo, fra le 20 squadre che hanno diritto a partecipare all’elite del mondo della bandiera c’erano anche i ragazzi bianco rossi del Gruppo di Volterra
Archiviato l'Astiludio 'di casa', l'obiettivo, alla partenza per Ferrara era quello di rimanere nella categoria. "Un piccolo gruppo di una piccola città come la nostra che si scontra con i più forti gruppi d’Italia con serbatoi di atleti  - spiegano gli sbandieratori etruschi - atleti provenienti da realtà dove il Palio o Giostra di riferimento fa da cassa di risonanza per un gran numero sbandieratori". 
Dunque per mantenersi nella categoria il grippo volterrano doveva evitare gli ultimi tre posti della classifica combinata, la graduatoria che somma i piazzamenti delle cinque specialità in gara. 

LA GARA DEL SABATO E LA BANDIERA. Il sorteggio aveva voluto che sabato 12 settembre il gioco di apertura fosse l’esercizio di Grande Squadra e Musici, due specialità in una, da un po’ di anni l’asso nella manica dei volterrani, il che voleva dire giocarsi molte chance subito al primo colpo. Ottimo esercizio eseguito ancora meglio. Alla fine dei 7 minuti e 15’’ regolamentari, la piazza e gli atleti sono esplosi in un grido misto di gioia e liberazione.
Però, nemmeno il tempo di finire gli abbracci di rito ed ecco la doccia gelata: la bandiera controllata a campione viene portata dal giudice di campo sul palco dell’ispettore. La lunghezza di un lato è di 129 cm contro i 130 regolamentari, un errore probabilmente dovuto alla stampa o alla cucitura. Ma si rischia da 2,50 punti di penalità (se il deficit è entro il cm) alla squalifica delle due specialità. Passano minuti concitati, poi il verdetto: ravvisata la buona fede si procede con la penalità speciale.
Certo per i volterrani "rammarico per quello che poteva essere e che non è stato, ma sollievo per aver salvato il risultato dei musici e limitato quello degli sbandieratori, che comunque perdono ben sette posizioni in classifica, da decimi a diciassettesimi".

Per restare nella categoria, dunque, non si poteva più sbagliare. Nei singoli in gara due campioncini ancora in erba. Per primo scende in campo Filippo Silvestri con il compito di mettere una pezza fatta di sicurezza per il proseguo del campionato. Pressione alle stelle ma freddezza inaspettata per il giovane: l’esercizio è pulito, semplice ma eseguito come gli si richiedeva. A quel punto Marin Paladi, il più quotato dei due, poteva osare e provare a far qualcosa di più, ma purtroppo non abbastanza per migliorare la già soddisfacente impresa di Silvestri.
Finite le specialità del sabato, erano quattro i gruppi dietro in combinata con un rassicurante margine di quasi 20 punti, tutto sommato un ottimo risultato vista la partenza. Piccolo rammarico per i musici "ancora stupendi e perfetti nelle loro esecuzioni musicali e coreografiche", che si fermavano per il secondo anno consecutivo alle soglie della finale, con il nono posto, che comunque valeva oro in ottica classifica combinata.

LA GARA DI DOMENICA. Il giorno seguente, il 13 settembre, le altre due specialità di coppia e piccola squadra. Per i bianco rossi nella coppia l’esordio assoluto del doppio formato da Silvestri e Marco Dell’Aiuto, e quello più rodato e quotato formato da Alessandro Pescucci e Marin Paladi. Stesso canovaccio del sabato, la prima coppia a mettere il mattone della sicurezza, poi ad osare di più con la seconda. Silvestri e Dell’Aiuto strappano applausi per la loro eleganza e pulizia, nonostante un esercizio ancora da migliorare nell’aspetto tecnico, che porta a casa un ottimo punteggio di esecuzione figlio di assenza di penalità. Poi scendono in campo i compagni che osano e riescono a completare l’esercizio di sicuro con maggior tasso tecnico e senza cadute di bandiera, anche se non sempre lineare e preciso. Obiettivo ampiamente raggiunto da entrambi i sodalizi, che confrontati con i diretti avversari, cominciava a disegnare sulle facce dei ragazzi dei sorrisi.
Ma serviva ancora l’ultimo sforzo, la piccola squadra, potenzialmente un esercizio da finale, che in passato ha regalato molte soddisfazioni, ma che date le conseguenze che un esercizio andato male avrebbero potuto avere, ha fatto ritenere ai responsabili tecnici di non rischiare. I sei atleti sono entrati in piazza con l’intenzione di fare un esercizio perfetto, anche se non esasperato dal punto di vista tecnico e così è stato. Al punto che nonostante la semplificazione hanno sfiorato la finale con un decimo posto finale. Un posto che permette a Volterra per il quarto anno consecutivo "di stare con i più grandi".

OBIETTIVO RAGGIUNTO. "Un risultato non facile da raggiungere a priori, reso ancor più arduo dopo il problema in Grande Squadra, che rende epico il risultato fortemente voluto da tutti - spiegano dal Gruppo di Volterra - e che ha dimostrato a discapito della giovane età degli atleti del gruppo, una maturazione e una tenuta mentale superiore alla media"

Alla Tenzone Aurea si è classificato al primo posto nella combinata laureandosi Campione d’Italia il Gruppo Sbandieratori Città Murata, seguito sul podio dall’Ente Palio del Niballo di Faenza (RA) e dall’Ente Palio della città di Ferrara, mentre sono retrocessi in A2 il Borgo S.Panfilo di Sulmona (AQ), l’Associazione dei Rioni di Copparo (FE) e l’Ente Culturale Città Regia di Cava de’ Tirreni (SA).

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nelle ultime 24 ore altri 6 pomarancini sono risultati positivi al coronavirus. Gli altri due casi in altrettanti Comuni del territorio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità