Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:55 METEO:VOLTERRA19°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 18 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Morto Franco Battiato. L'intervista del 2018: «Milano con la nebbia, mi piacque molto: cantavo per scherzo dei madrigali barocchi. Fu Gaber che mi disse di chiamarmi Franco»

Cultura domenica 14 ottobre 2018 ore 12:23

L'arte di Sabelli in esposizione ad Arles

L'artista, romano di nascita e volterrano d'adozione, ha rielaborato per la città francese un'opera presentata due anni fa sul Colle Etrusco



VOLTERRA — Cristiano Sabelli è attualmente in residenza creativa ad Arles nel sud della Francia, per preparare la mostra “2030 Urban Space Arles”, la cui inaugurazione è prevista per il 3 novembre. Sabelli, romano d’origine e volterrano d’adozione, ha presentato il suo progetto al Comune della città francese che l’ha scelto e sostenuto, inoltre la sua installazione site specific è stata inserita nel Festival ON Octobre Numérique, un contenitore di arte e innovazioni tecnologiche. 

"2030 Urban Space Arles" è un’installazione artistica site specific per Arles, concepita da Sabelli come un viaggio distopico attraverso la storia nel mistero dell’uomo. Un’esplorazione che si perde nel buio di uno spazio infinito e diviene altro, accompagnata da suoni, luci e ombre che sembrano provenire da un futuro siderale. Ma non sempre ciò che appare è ciò che è reale, e nel vuoto alieno si nasconde un segreto che attende solo di essere rivelato.

L’installazione, che l’artista aveva presentato con successo due anni fa a Volterra, è stavolta frutto di una ricerca sui quartieri periferici di Arles. “Nel mio percorso le periferie urbane divengono modelli di studio sociale, - afferma Sabelli – le periferie dalla rivoluzione industriale in poi sono diventate dei grandi nuclei tecnotribali somiglianti tra loro, depauperati dai vincoli storici e culturali delle stesse città cui appartengono, dove lo spazio urbano ci appare alieno e alienante, avendo modificato corpo e mente dell’uomo che lo abita. Come sosteneva il filosofo spagnolo Felix Doque - l’uomo si fa cubico come le sue case a schiera, i suoi uffici o fabbriche - e in questo scenario non c’è più spazio per la natura”.

2030 Urban Space è dunque un’installazione che rappresenta i concetti del viaggio come costante dell’essere umano, il continuo mutamento sociale che le città e l’uomo vivono, e la mutazione dell’ambiente e della terra di cui lo stesso uomo è responsabile. L’opera getta una luce sul cammino umano e invita a riflettere su dove andiamo e cosa o chi stiamo cercando e quale tipo di società lasceremo alle generazioni future.

“Tutto è partito quando, qualche anno fa, lessi in un articolo di giornale che la Nasa dichiarava di essere vicina a raggiungere Marte – ha spiegato ancora l’artista – e intorno al 2030 probabilmente un cargo umano sarebbe atterrato sul pianeta rosso al fine di una colonizzazione. Ciò mi ha portato a riflettere sull’esistenza umana e sul destino del nostro pianeta dove l’uomo pare sia diventato un indice di rischio per la sopravvivenza di un ecosistema in cui egli è allo stesso tempo, vittima e carnefice. Ma l’opera è anche un canto d’amore per la terra dal presente incerto, per dirla come il poeta Antonio Machado “si canta quel che si perde”.

Cristiano Sabelli nato a Roma, è un artista e un restauratore professionista di opere d’arte (fa parte dell’équipe che ha staccato il graffito di Oreste Fernando Nannetti, il celebre internato dell’Ospedale Psichiatrico di Volterra). Laureato a pieni voti all’Accademia di Belle Arti a Roma e ottenuta la qualifica di Restauratore di Beni Culturali, lavora in Italia e all’estero e in contemporanea realizza progetti artistici, mostre e installazioni. Vive a Volterra.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono iniziati i lavori per il ripristino del manto stradale in Piazza Papa Giovanni XXIII, scattato il divieto di sosta con rimozione
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Cronaca

Attualità