Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:VOLTERRA19°32°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
venerdì 30 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Scherma, Di Francisca: «Errigo emotiva». Velasco: «Dichiarazioni disgustose»

Attualità sabato 22 luglio 2017 ore 15:30

Volterra e i suoi capoccini

L’espressione gergale, che indicava il capofamiglia, è rimasta in uso tra gli abitanti della città, articolandosi in diversi significati



VOLTERRA — Se i romani chiamano la loro città “capoccia” per ricordare la sua potenza imperiale, i volterrani, nel passato, utilizzavano l’espressione “capoccino” per indicare il capofamiglia. Vezzeggiativo che, con un tocco di ironia, alludeva alla funzione di guida esercitata dagli anziani all’interno delle famiglie patriarcali contadine.

Con il passare del tempo, il termine è entrato nel tessuto linguistico cittadino estendendo il suo campo semantico.

Dal modo scherzoso per indicare la centralità e l’”egocentrismo” di un bambino; al modo parodico per sottolineare le fattezze caricaturali di un uomo di piccola statura e dalla testa di ragguardevoli dimensioni; fino al modo ironico per evidenziare l’abbigliamento fuori moda rispetto ai canoni dell’eleganza contemporanea, il vocabolo è parte integrante dello “slang volterrano”.

Viola Luti
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La maggior parte dei contagi si è verificata tra i giovani, 28 tra bambini e adolescenti. I dati sanitari aggiornati alle ultime 24 ore
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Attualità

CORONAVIRUS

Cultura