Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:10 METEO:VOLTERRA12°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
domenica 28 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Covid, a Milano folla sui Navigli nell'ultimo weekend in fascia gialla

Attualità venerdì 22 gennaio 2021 ore 19:00

Un ospedale rinnovato e più funzionale

Parte dell'accordo siglato tra Regione e Comune va proprio in questa direzione. Il presidente Giani ha confermato gli impegni sull'ospedale



VOLTERRA — Una mattinata tutta volterrana quella di Eugenio Giani. Il presidente della Regione Toscana ha dato seguito a quanto scaturito dalla candidatura della città a capitale italiana della cultura e le ha riconosciuto un ruolo di centralità nello sviluppo del territorio, conferendole il titolo di capitale toscana della cultura 2022.

Ma nell'accordo siglato stamani in Comune con il sindaco Santi c'è molto di più. Lavoro, infrastrutture e soprattutto l'ospedale.

Fondamentale infatti la parte sulla sanità, tema sentitissimo in Valdicecina. Dopo le dichiarazioni di alcuni giorni fa sull'introduzione di due posti letto di terapia sub intensiva all'ospedale volterrano, nell'accordo si va oltre e si parla di un vero e proprio progetto di riorganizzazione della struttura che sarà rinnovata, per diventare più moderna, funzionale e armonica.

Giani ha ribadito che il progetto complessivo prevede un investimento da sei milioni di euro.

Soddisfazione è stata espressa dal sindaco Giacomo Santi e dagli altri sindaci della zona presenti all'appuntamento.

E' stata la stessa Usl Toscana nord ovest a fare il punto della situazione, puntualizzando gli interventi che saranno svolti:

"Il potenziamento interessa non solo la parte strutturale, per la quale la regione ha già previsto un investimento di 6 milioni di euro, ma sarà interessata anche la parte delle attrezzature sanitarie e vedrà un forte impegno dal punto di vista organizzativo e dei percorsi”, ha detto il direttore Maria Letizia Casani.

Il pronto soccorso, porta d’ingresso dell’ospedale e importante punto di riferimento per la popolazione, sarà trasferito dall’attuale edificio al livello superiore. La nuova collocazione, oltre ad essere in linea con la radiologia, offre la possibilità di istituire posti letto di osservazione breve e sarà una sorta di ponte tra il pronto soccorso e la medicina interna.

L’area critica sarà completamente ridefinita con l’attivazione della terapia intensiva postoperatoria. Infatti, il blocco operatorio sarà dotato di una recovery room in cui possano essere allestiti da 2 a 4 posti letto di terapia intensiva. I letti di recovery, situati all’interno del blocco operatorio, sono predisposti per essere utilizzati sia come postazioni di terapia intensiva, sia per garantire una più efficace e sicura assistenza peri-operatoria, base necessaria per giungere anche ad un ampliamento della casistica chirurgica programmata.

Il blocco operatorio sarà riordinato sotto il profilo infrastrutturale, tecnologico e organizzativo in modo da permettere un aumento dell’attività chirurgica programmata ampliando anche l’indice di complessità degli interventi. 

Anche l’ospedale di Volterra, al pari degli altri presidi, sarà organizzato per intensità di cura. Infatti, sfruttando il recente ammodernamento tecnologico e strutturale realizzato in area medica, sarà possibile creare un’area critica complessiva composta dai posti letto di terapia intensiva della recovery room e dai posti letto di sub intensiva. 

La nuova organizzazione dell’area critica faciliterà l’istituzione del secondo livello di intensità di cura che potrà giovarsi di alcuni posti letto di area medica, completando così il percorso del paziente secondo la sua reale necessità.

Grazie alle nuove collocazioni delle diverse aree, come lo spostamento dell’area medica dal padiglione Biffi al padiglione Stecca, permetterà di realizzare un’area di degenza di cure intermedie di 20 posti letto, in modo da garantire alla persona fragile o anziana una presa in carico sanitaria nella fase di dimissione ospedaliera.

Intanto le opposizioni "Uniti per Volterra" e "Per Volterra" tornano sulle dichiarazioni fatte da Giani per i due posti letto di sub intensiva:"Dovremo vigilare affinchè questi letti si realizzino al più presto, portando in dote quindi la guardia attiva anestesiologica h24, elemento fondamentale per poter un domani creare anche un setting superiore di cure intensive".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Sport

Cronaca