QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 12°20° 
Domani 14°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
sabato 25 maggio 2019

Cultura mercoledì 28 giugno 2017 ore 12:28

Il gran finale di M’arte

Domenica 2 luglio dalle 18 in Piazza del Casalino, a Montegemoli, arriva al termine la sesta edizione del progetto di arte contemporanea



POMARANCE — Nell'antico e suggestivo borgo in Alta Val di Cecina in Provincia di Pisa si svolgerà la tappa conclusiva di M’arte 2017, dal titolo La natura delle cose. Un progetto di arte contemporanea a cadenza biennale, ideato e promosso da Pro Loco Montegemoli, con la collaborazione di Accademia Libera Natura e Cultura di Querceto curato da Eleonora Raspi.

In occasione del finissage sarà presentato il catalogo conclusivo dell’edizione, a cura di Liligutt Design Studio (Paolo Benvenuto e Mattia Sincinelli) e edito da Kappabit Srl (Roma), alla presenza degli autori. I testi sono del filosofo Leonardo Caffo, del critico e storico dell'arte Christian Caliandro, dei curatori Eleonora Raspi e Maurizio Marco Tozzi, le fotografie di Marta Marinotti.

Al termine della serata e simbolicamente dell’intera edizione, l’artista Laura Cionci coinvolgerà gli abitanti di Montegemoli in una performance intesa come atto conclusivo del suo lavoro, dal titolo Moeva, iniziato durante la residenza e presentato in una delle sale che si affacciano sulla piazza del borgo.

Completano il programma alle 19,30, lo spettacolo teatrale di Fabrizio Parrini e Carlo Rotelli dal titolo Lucretius, e alle 20 cena sotto le stelle in piazza (info e prenotazioni al +39 328.9364553). Previsto un menù a base di piatti tipici locali come le lasagne di verdure di Montegemoli, mix di carni con il tipico pane di Montegemoli cotto a legna, vera e propria eccellenza alimentare conosciuta ben oltre i confini della Toscana.

M’arte 2017 dal titolo La natura delle cose ha visto dal 1 giugno lo svolgersi di una residenza per artisti e professionisti nel campo della cultura contemporanea, il nascere di istallazioni, mostre e incontri con studenti delle scuole inferiori e superiori. Coinvolti i borghi di Pomarance con la mostra Rivelazione AntropoEccentrica del videoartista Lino Strangis nella Casa Museo e Scuderie Bicocchi, Larderello al Museo della Geotermia con una installazione realizzata dagli studenti dell’Istituto Comprensivo Tabarrini di Pomarance, Volterra con la mostra collettiva La natura delle cose alla Pinacoteca Museo Civico, Castello di Querceto sede della residenza e Montegemoli, cuore della manifestazione, dove in vari spazi pubblici e privati del paese sono visibili le opere di cinque artisti: Alessandro Amaducci, Laura Cionci, Eleonora Manca, Franco Menicagli e Tom Mùller.

Il rapporto tra arte e paesaggio è stato il filo conduttore della rassegna insieme al concetto di interdisciplinarità apparso ancora una volta come parola chiave: dalla fotografia al video, dalla pittura all’installazione, ogni artista ha affrontato un percorso di dialogo con gli spunti di riflessione proposti e con il territorio che lo ha ospitato, al fine della produzione artistica di un’opera originale e site-specific.

“In questo scenario - sottolinea la curatrice Eleonora Raspi - il testo di Lucrezio, De Rerum Natura, ha agito come base teorica e concettuale da cui partire per la creazione dei lavori, ora visivi, ora letterari, ora curatoriali”.

Tutte le mostre e le installazioni sono visitabili fino al 2 luglio compreso.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Cronaca