Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:55 METEO:VOLTERRA19°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 18 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Morto Franco Battiato. L'intervista del 2018: «Milano con la nebbia, mi piacque molto: cantavo per scherzo dei madrigali barocchi. Fu Gaber che mi disse di chiamarmi Franco»

Cultura lunedì 20 marzo 2017 ore 08:29

Il pane degli Etruschi era senza sale

Foto d'archivio

Abitudine gastronomica dell’Italia centrale, lo sfilatino sciapo ha origini incerte. Ma la ricetta era condivisa con i Rasenna



VOLTERRA — Legato alla tassazione applicata dai governanti fiorentini o dalla necessità di compensare i sapori del prodotto da forno con gli alimenti sapidi della tradizione gastronomica, le cause dell’assenza del sale sul pane restano incerte ed estremamente dibattute.

Abitudine culinaria, questa, condivisa da alcune realtà della Toscana, dell’Umbria, delle Marche e della provincia di Viterbo, dove, pagnotte e sfilatini sono completamente sciapi.

Elemento che li accomuna all’universo gastronomico dei Rasenna. L’antico popolo, infatti, mangiava il pane durante ogni pasto, ma proprio come molti dei loro discendenti contemporanei, sempre rigorosamente nella versione “sciocca”.

Sarà forse una coincidenza, ma le zone dove ancora oggi viene preparato il pane senza sale, in passato, sono state lucumonie etrusche. Un legame che sembra collegare, con un filo diretto, le due realtà cronologicamente così distanti.

Viola Luti
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono iniziati i lavori per il ripristino del manto stradale in Piazza Papa Giovanni XXIII, scattato il divieto di sosta con rimozione
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità