comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 11°20° 
Domani 11°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
sabato 30 maggio 2020
corriere tv
Fase 2, ecco la prima «cupola» per andare al mare

Attualità martedì 10 gennaio 2017 ore 12:15

Gli Etruschi sono ancora vivi

Aulo, Tarquinio e Velia. Tra i cittadini dell’odierna Velhatri sono ancora presenti nomi propri che derivano direttamente dall’antica civiltà



VOLTERRA — Le origini etrusche dei volterrani sono indubbie. Ne sono una prova le fonti storiografiche e i reperti archeologici, che testimoniano l’insediamento dei Rasenna nell’antica Velathri. Le fortificazioni delle mura, la necropoli, i ritrovamenti scoperti a seguito degli scavi sono la dimostrazione lampante del passaggio della civiltà antica.

Il legame tra gli abitanti di ieri e di oggi, nonostante il passare dei secoli, continua a essere estremamente profondo e ben radicato.

Oltre alla cultura e al patrimonio artistico, a tenerli uniti, esiste anche un fil rouge onomastico. A Volterra, sono, infatti, in molti a ad avere nomi di origine etrusca.

Facendo un “tour antroponimico” tra gli abitanti, è possibile notare come alcuni prestiti, provenienti direttamente dall’anagrafe etrusca, siano evidenti. Aulo, Tarquinio e Velia appartenevano, infatti, a uomini e donne della popolazione matrice.

Ma il ritorno onomastico agli albori è ancora più ampio, anche se meno evidente. Camilla e Camillo, Cecilia, Mario, Antonio, Lucrezia, Virgilia e Virgilio, Virginia e Virginio, Cassio, Attilio, Ercole, Sergio, Ceciliano, Cesare e Cesarina.

Un’eredità, quella lasciata dall’antico popolo, che coinvolge, dunque, l’identità degli abitanti odierni legandoli in modo indissolubile attraverso il tempo.

Viola Luti
© Riproduzione riservata



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Cronaca