comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 16°27° 
Domani 17°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 07 luglio 2020
corriere tv
Salvini: «La Lucarelli sfrutta il figlio per fare politica»

Cultura sabato 08 aprile 2017 ore 06:30

Il pozzo etrusco che conduce all’aldilà

Utilizzate per raccogliere l’acqua e considerate sacre, le opere di ingegneria idraulica rappresentavano un collegamento diretto con il mondo ultraterreno



VOLTERRA — Legato al concetto di vita, di oscurità e di ricerca interiore, il pozzo, fin dall’antichità, ha assunto un forte valore simbolico ed è rimasto nell’immaginazione dei poeti e degli artisti.

Considerato sacro dagli etruschi, raccoglieva le offerte destinate alle divinità del regno dei morti. L’antico popolo credeva, infatti, che l’opera idraulica costituisse un collegamento diretto con il mondo ultraterreno, situato nel sottosuolo. Questa concezione si ricollega a quella greca dell’Ade e a quella degli Inferi che caratterizzerà i romani.

Il simbolo, infatti, ricorre nella storia delle civiltà.

Nietzsche definiva il meriggio l’ora del pozzo profondo, della perdita del senso dell’esistere; Montale lo evoca a proposito del ricordo; i proverbi lo indicano come sinonimo di profondità abissale con la locuzione pozzo di scienza o collegandolo a San Patrizio; il Vangelo secondo Giovanni evoca quello di Giacobbe per l’incontro di Gesù con la samaritana. 

Viola Luti
© Riproduzione riservata



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca