comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 19°28° 
Domani 14°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
lunedì 03 agosto 2020
corriere tv
In auto sul nuovo ponte di Genova: «Lavorare in quarantena è stata dura, ma non ci siamo mai fermati»

Cultura martedì 06 dicembre 2016 ore 14:00

L'Ambiguo Malanno di Palazzo Viti

Un momento dello spettacolo

Gli studenti del Carducci raccontano lo spettacolo andato in scena domenica 27 novembre nelle stanze dello storico edificio volterrano



VOLTERRA — “Entusiasmante” è stato definito da molti spettatori il recital Ambiguo malanno: voci di donne nell’antichità che domenica 27 novembre gli studenti del liceo classico Carducci di Volterra hanno presentato attraverso le sale di Palazzo Viti: attraverso le loro voci la cui eco si diffondeva in un ambiente anch’esso ricco di storia e di vita, sono emerse emozioni, sentimenti, riflessioni, ironia di donne e uomini dell’antichità greco-latina, toccando direttamente il cuore del pubblico e spesso facendo divertire. Tra gli spettatori più vivaci e attenti gli studenti che da poco si sono affacciati al liceo classico e che stanno iniziando a leggere i testi di autori latini e greci.

“Le ragazze e i ragazzi si sono messi in gioco in uno scenario unico, si sono calati in una parte, ci hanno trasmesso dei messaggi trasfigurati dall’ambientazione in cui si è tenuto lo spettacolo: Palazzo Viti, costruito a fine Cinquecento, restaurato e arredato da Giuseppe Viti nel secondo Ottocento. - racconta Lisa, una delle studentesse. - Questo luogo ha gettato nuova luce sulle parole dei giovani attori, parole che hanno assunto un valore universale, riconducibile a qualsiasi tempo, luogo e società".

“L’Ambiguo malanno ispirato al mondo greco-romano si è perfettamente adattato, contro ogni mia aspettativa, al Palazzo Viti, costruito nel XVI secolo - afferma Giada, un'altra alunna del Carducci - l’argomento trovava una sua armonia e attualità nella casa ricca di quadri di antichi personaggi femminili della famiglia Viti". Mentre per Marianna “Il contrasto tra le scene ambientate nell’antica Grecia e in Roma e l’arredamento ottocentesco del Palazzo ha sicuramente contribuito molto ad affascinare il pubblico”.

Anche gli studenti di seconda del liceo classico sottolineano il particolare scenario del recital: “Credo sia stato suggestivo lo scenario di Palazzo Viti che, nonostante sia un edificio di un’epoca storica diversa da quella a cui risalgono i testi del recital, ha sicuramente creato un contrasto molto interessante - dichiarano Bianca e Alice.-  Inoltre Palazzo Viti, tutt’ora in parte abitato, ha offerto un’atmosfera familiare diversa da un convenzionale scenario di uno spettacolo, come ad esempio un teatro”.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità