Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:57 METEO:VOLTERRA11°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
giovedì 02 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Bacco, il medico no vax pentito: «Vaccino acqua di fogna? Oggi non pronuncerei quelle parole»

Cultura domenica 18 giugno 2017 ore 06:30

La versione etrusca del pesto

Preparato con pecorino piccante e sedano, il moretum era un condimento tipico dell’antico popolo che lo utilizzava per accompagnare piatti salati



VOLTERRA — Associato alla cucina ligure contemporanea, il pesto ha, però, origini lontane nel tempo. Il primo esempio, infatti, risale all’epoca etrusca quando l’antico popolo lo utilizzava per accompagnare piatti salati e, in particolare, la torta rustica scriblita.

Preparato con pecorino piccante, foglie di sedano, olio di oliva, sale e aglio, il moretum era apprezzato e diffuso anche presso i Romani. A differenza della moderna e più conosciuta versione genovese, era tagliato in modo più grossolano e, al posto del celebre basilico, utilizzava i fogliari dal sapore intenso del sedano. Variante che, nonostante la diversità di alcuni ingredienti, evidenzia un legame profondo tra la cultura gastronomica italiana e quella dei Rasenna.

Viola Luti
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Avviso del gestore idrico che ha in programma la realizzazione di bypass sulla condotta di adduzione e distribuzione, tra giovedì e venerdì
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Politica

CORONAVIRUS