Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:10 METEO:VOLTERRA10°20°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 18 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Coprifuoco, riaperture e cambi di zone: le novità del nuovo decreto

Attualità domenica 23 aprile 2017 ore 12:30

Una nuova scrittrice sul colle volterrano

Si tratta di Cinzia Del Bigallo, autrice del romanzo storico "Tu che sussurri alla mia anima", uscito nei giorni scorsi nelle librerie cittadine



VOLTERRA — Cinzia Del Bigallo, classe 1965, livornese di nascita e pisana per matrimonio, moglie e madre di due figli, lavora presso la Provincia di Pisa e vive a Volterra. Ama i cavalli e, coronando un sogno che aveva fin da bambina, li alleva per hobby, con il marito insieme al figlio più grande aiuta l’altro figlio più piccolo che ha trasformato la sua passione in lavoro dando vita all’allevamento cavalli Tre Barre. 

E’ in parte, la passione che prova per questi splendidi animali (assieme a una frase che sua madre, siciliana di nascita, le ripeteva spesso, riferendosi a persone che hanno particolari doni e che le mettono a disposizione spontaneamente, per aiutare gli altri, senza secondi fini), ad averle dato lo spinto per scrivere il suo primo romanzo, Tu che sussurri alla mia anima, in uscita il 23 aprile, sarà presente nella libreria dell’Araldo in via Ricciarelli e nelle seguenti edicole: in via Gramsci 8; di San Lazzero; di San Alessandro e a Saline. 

La figura centrale del romanzo è Maria Castillo, una ragazza nobile sedicenne, figlia del Marchese e Senatore del Regno delle Due Sicilie nell’età Borbonica dell’Ottocento, Giuseppe Castillo, discendente di una nobile famiglia spagnola arrivata in Sicilia ad opera di Baldassarre, militare vissuto verso la seconda metà Cinquecento, che si era stabilito a Palermo. Lui l’ha promessa in sposa, con tanto di contratto scritto, per sanare i suoi debiti, al figlio ventunenne del Sultano dell’Oman, Sargon Dib Sultan, che per anni non viene informato della presenza del contratto. Maria, oltre ad avere nobili origini da parte del padre, ha anche singolari origini da parte materna, Donna Rosalia Escobedo, l’ultima erede di Rodrigo Escobedo, membro dell’equipaggio che fece parte nella spedizione di Cristoforo Colombo per la conquista dell’America sbarcando, però, a San Salvador ed entrando in contatto con il popolo dell’isole, i Taino. Di tale popolo Rodrigo, che era stato incaricato dai reali di Spagna di redigere un diario sulle vicende della spedizione, divenne un assiduo ospite, innamorandosi della figlia del capo cacicco, Maya, sacerdotessa e sciamana del suo popolo. La storia si svolge prevalentemente nella fattoria “masseria” Castillo a Camporeale, dove Maria cresce accudita da Anita la sua governante e confidente. Al suo sedicesimo compleanno, il padre convoca Maria a Palermo e da lì la storia si snoda tra complotti e trame di attentati, attraverso continui rimandi e riferimenti di carattere storico, fantastico, sentimentale e sociale, laddove si affrontano ad esempio questioni legate al maschilismo e alle similitudini che ci sono tra la religione musulmana e quella cristiana. 

Tu che sussurri alla mia anima si presenta come un romanzo colto, vitalistico, corale, in cui non sono rilevanti solo i personaggi principali e in cui, come non mai, rivestono un’importanza fondamentale i contesti storici e sociali; e, al contempo come un grande atto d’amore verso la terra dei propri avi, la Sicilia, e come una grande indagine psicologica sull’incontro tra mondi ed epoche diverse. Cinzia, che ha editato in proprio il testo, ha abbinato all’uscita del libro un originale concorso a premi, spiegato in dettaglio all’interno della pagina Facebook Un libro nel cuore di Cinzia Del Bigallo che metterà in palio soggiorni a Palermo.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono iniziati i lavori per il ripristino del manto stradale in Piazza Papa Giovanni XXIII, scattato il divieto di sosta con rimozione
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Cronaca