QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 10°10° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
mercoledì 13 novembre 2019

Attualità mercoledì 14 settembre 2016 ore 09:47

Lo sbandieratore d'oro campione d'Italia

Fabio Ciampelli

I campionati nazionali si sono svolti lo scorso weekend. Grazie a Fabio Ciampelli, classe 1999, il titolo ritorna a volterra dopo 22 anni



VOLTERRA — Una carambola di emozioni, così si può riassumere il campionato italiano sbandieratori 2016, la Tenzone Aurea che si è tenuto a Bra (CN) lo scorso fine settimana. E se alla vigilia c’era la speranza per il gruppo volterrano di ottenere la finale in almeno una specialità, l’apoteosi si è raggiunta sabato sera dopo le finali di singolo.

La cronaca - Sabato mattina erano in programma le eliminatorie di grande squadra, musici e singolo. Volterra entra con la grande, la esegue in modo discreto ma non perfetto risultando nei primi otto (quelli cioè che accedono alla finale) come punteggio ma pagando il coefficiente atletico che la fa slittare al 14esimo posto in graduatoria e fuori dalla finale.

I musici fanno una ottima esibizione, dopo due campionati giunti al nono posto con esclusione dalla finale sperano veramente di riuscire a salire quel gradino che gli consentirebbe di esibirsi nuovamente la sera ma purtroppo al danno si aggiunge la beffa e per 2 centesimi di punto si ritrovano nuovamente in nona posizione per il terzo anno consecutivo ed esclusi dalla finale.

Il morale non è proprio alle stelle ma bisogna stringere i denti perché di lì a poco tocca al singolo e sia Fabio Ciampelli che Filippo Silvestri hanno bisogno del supporto di tutto il gruppo. Il primo ad esibirsi è Fabio Ciampelli che esegue un numero perfetto senza sbavature. Poi tocca a Silvestri, anche lui perfetto, senza penalità solo con qualche difficoltà in meno. Alla fine la graduatoria ha visto molti atleti racchiusi in una manciata di decimi di punto nella metà classifica e Filippo si è trovato 18esimo mentre Fabio accedeva alla finale in prima posizione.

La sera la finale, la tensione si taglia a fette, soprattutto perché la maggior parte dei finalisti, mostri sacri della bandiera, si sono visti scavalcare da un ragazzino sconosciuto, ma non fanno nemmeno in tempo a realizzare il risultato del mattino che Fabio gli stampa un singolo da manuale, un’esecuzione perfetta, anche nei passaggi più difficili a 5 bandiere mettendo il sigillo alla specialità più importante del torneo staccando di ben 2,05 punti il secondo.

Domenica è stata la volta delle piccole squadre e delle coppie. Buona la piccola squadra volterrana, di notevole tasso tecnico, sembrava proprio che potesse ottenere un’altra finale ma oltre la metà dell’esercizio i ragazzi si deconcentrano causando alcuni errori e l’esibizione apparentemente più facile rimane fuori dalla finale relegandosi al 14° posto.

Anche la coppia Ciampelli/Pescucci non ottiene il risultato sperato, anche se eseguita discretamente, soprattutto a causa del poco allenamento fatto assieme che vedono finire in 17esima posizione.

Alla fine, nona posizione in combinata e titolo italiano per il singolo.

Fabio Ciampelli - Fino a sabato quasi sconosciuto nel modo della bandiera e ai volterrani che lo hanno ammirato per la prima volta solo durante Volterra AD1398 lo scorso agosto, il giovane ha sbalordito tutti per le sue capacità tecniche. Fabio Ciampelli nasce a Massa Marittima il 17 aprile 1999 e frequenta la quarta classe all'ITI di Grosseto. Fin da piccolo è affascinato dagli sbandieratori che a Massa come a Volterra vantano una grandissima tradizione e nel 2009, all’età di dieci anni, entra a far parte della Società dei Terzieri Massetani come tamburino.

L’arte della bandiera però lo ha sempre affascinato e così l’anno dopo inizia a muovere le bandiere. Nel 2012 partecipa ai campionati under 15 di Rubiera con il singolo in seconda fascia e con la coppia in terza fascia, piazzandosi al quinto posto in entrambe le specialità.

La tradizione - La tradizione dei singolisti a Volterra, insieme a quella dei musici, si perde nella notte dei tempi. E’ dagli inizi dell’attività del Gruppo Storico che pezzi da novanta si cimentano da soli a maneggiar bandiere. Il primo fu Federico Simoncini che nel 1981 portò il suo singolo in finale ai campionati italiani di Bologna.

Altri validi singolisti si sono avvicendati con il costume bianco-rosso ottenendo ottimi risultati, ma si deve aspettare il 12 settembre 1987 ancora a Bologna per vedere il primo oro al collo di un singolista volterrano: Alessandro Benassai conquista il titolo di campione italiano assieme al gruppo dei musici, titolo che ripeterà l’anno dopo a Faenza e poi ancora nel 1989 di nuovo a Faenza, nel 90 a Rimini, nel 91 a Ravenna, nel 92 a Carovigno, nel 93 a Massa Carrara e nel 94 a Fossano. Alessandro Benassai ad oggi rimane l’unico singolista ad aver vinto il titolo per ben otto volte consecutive. Nel 95 ci prova Stefano Borghi a Catania ottenendo la medaglia di bronzo.

Oggi, dopo 22 anni Volterra riparte da Bra, a soli 15 chilometri da Fossano dove conquistò l’ultimo titolo e riporta sul poggio l’oro nella disciplina principale grazie a Fabio Ciampelli, 17 anni, già soprannominato l’etrusco dal cuore maremmano.



Tag

Clinton incontra Zingaretti a New York: "Sono così felice di vederti, Thank you!"

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità