comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:20 METEO:VOLTERRA13°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
venerdì 22 gennaio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Trump se ne va, il mondo può tirare un sospiro di sollievo

Cultura domenica 26 febbraio 2017 ore 06:30

La ricotta e gli altri formaggi etruschi

Freschi o stagionati, grattugiati o a mangiati a pezzetti. I Rasenna preparavano prodotti caseari, introducendo l’utilizzo di cagli vegetali



VOLTERRA — Innovatori in numerose discipline, gli Etruschi introdussero novità anche in campo gastronomico e, in particolare, nell’arte casearia. Amanti dei formaggi, sperimentarono con successo l’utilizzo di cagli vegetali come ad esempio i carciofi, il fiore di cardo o il latte di fico.

La produzione delle diverse tipologie di cacio, oltre a essere estremamente varia sia per consistenza sia per maturazione, era anche molto simile a quella attuale. Ritrovamenti archeologici e documentazione storiografica testimoniano, infatti, che, tra gli alimenti freschi, spiccava la ricotta, mentre, tra quelli stagionati, il corrispondente del più moderno pecorino. Ad assottigliare il gap cronologico, aumentando i punti di contatto, contribuisce la presenza, tra i reperti, di una grattugia che ci suggerisce come l’antico popolo amasse mangiare le scaglie di formaggio sopra zuppe di farro e piatti a base di altri cereali. 

Viola Luti
© Riproduzione riservata



Tag
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità

Cronaca