comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 20°30° 
Domani 19°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
sabato 11 luglio 2020
corriere tv
Francesco Bellomo, magistrato destituito perché pretendeva minigonna per le allieve, fa ancora lezione tra le proteste degli allievi che gli gridano «vergogna»

Cultura domenica 26 febbraio 2017 ore 06:30

La ricotta e gli altri formaggi etruschi

Freschi o stagionati, grattugiati o a mangiati a pezzetti. I Rasenna preparavano prodotti caseari, introducendo l’utilizzo di cagli vegetali



VOLTERRA — Innovatori in numerose discipline, gli Etruschi introdussero novità anche in campo gastronomico e, in particolare, nell’arte casearia. Amanti dei formaggi, sperimentarono con successo l’utilizzo di cagli vegetali come ad esempio i carciofi, il fiore di cardo o il latte di fico.

La produzione delle diverse tipologie di cacio, oltre a essere estremamente varia sia per consistenza sia per maturazione, era anche molto simile a quella attuale. Ritrovamenti archeologici e documentazione storiografica testimoniano, infatti, che, tra gli alimenti freschi, spiccava la ricotta, mentre, tra quelli stagionati, il corrispondente del più moderno pecorino. Ad assottigliare il gap cronologico, aumentando i punti di contatto, contribuisce la presenza, tra i reperti, di una grattugia che ci suggerisce come l’antico popolo amasse mangiare le scaglie di formaggio sopra zuppe di farro e piatti a base di altri cereali. 

Viola Luti
© Riproduzione riservata



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità